giovedì 11 dicembre 2014

Un, due, tre ....Vegan :-)

Ebbene si, è successo. Ho intrapreso una nuova avventura.
21 giorni vegani.
Ti ho lasciato a bocca aperta? Dai, non era mi intenzione stupirti, vorrei solo condividere con te questa piccola grande novità della mia vita.
Da sempre attenta alla mia alimentazione, agguerrita nei primi anni di vita dei miei "piccoli" ( pro allattamento al seno, svezzamento tardivo, carne poca e solo dopo l'apparire dei canini....insomma, una rompipalle per nonni & Co. ) pian piano ho optato per un'alimentazione "normale" mantenendo però, almeno per i pasti consumati a casa, un'attenzione alla qualità degli alimenti, ai loro abbinamenti e prediligendo un regime tendenzialmente vegetariano.
Ma negli ultimi tempi  qualcosa è cambiato. Dopo due anni di alimentazione gluten free e sempre più vegetariana, complice un gruppo molto attivo su facebook nel quale sono inciampata (io non credo al caso e tu?) ho deciso di intraprendere, o almeno provare, una nuova esperienza: 21 giorni vegani. ( https://www.facebook.com/groups/237286719790195/ ).

Quinoa soffiata con marmellata senza zucchero, yogurt di soya e frutta.

Mi si è aperto un mondo: una valanga di consigli, ricette, trucchi ed attrezzi strani...anche un pò di rigidità, certo, ma immagino che ci sia in tutte le realtà a volerla cercare....
E' stata una scelta mia, non ho imposto nulla ai tre "mammoni" ma li ho resi partecipi: ogni tanto assaggiano soprattutto i miei dolci vegani, diffidenti, commentanto facendo i brillanti ma quasi sempre mangiano, con gusto!
I 21 giorni sono finiti da un pò ed io ho deciso di mantenere un' alimentazione prevalentemente vegana: quando sono sola o cucino io, vegana, quando sono ospite cerco di mediare.
Mi ci  trovo bene, molto bene. Inevitabilmente ne ho parlato con i miei ospiti a colazione ed ho visto che siamo in molti, per i motivi più disparati, a porre molta attenzione a ciò che mangiamo.
Ho quindi pensato di proporre colazioni vegane anche come bed and breakfast.  Latti vegetali, yogurt di soja, frutta fresca e secca e dolci o biscotti vegani e senza glutine. Ecco l'ultimo dolce che ho preparato: un plum cake gluten free e vegano, con nocciole e albicocche secche. Cosa ne dici? Vuoi assaggiare? Ti aspetto e...fai girare la voce, I Due Noci è il bed and breakfast perfetto anche per i tuoi amici vegani !

Plum cake di farina di grano saraceno con nocciole ed albicocche secche.


lunedì 3 novembre 2014

Mi son distratta un attimo e ... siamo a Novembre!

Ebbene si, confesso: mi sono distratta!
Non dimenticata, questo mai. Nella mia testa questo canale privilegiato di conversazione con te, amico de I Due Noci, ospite già conosciuto o ancora da conoscere, viaggiatore curioso e tanto altro, è sempre aperto .... Nella mia testa!
Di fatto però, presa da mille cose molto pratiche ma non solo  (lavori di pulizia/potatura in giardino, una fuga di qualche giorno al mare, il ritorno "lampo" ma molto impegnativo di Francesco, mammone numero, due da Londra e non so che altro...) è quasi un mese che non scrivo nulla...E siamo a Novembre!


Questo mese è per me, da quando ho trasformato la mia casa in un bed and breakfast, un periodo di bilanci. Pur non essendo questa in cui vivo una zona prettamente turistica e quindi legata ad una rigida stagionalità, di fatto risente, positivamente, dei flussi turistici estivi generali, vuoi per la vicinanza all'aeroporto, vuoi perchè sono sulle "rotte" dei viaggiatori del nord europa in visita in Italia e quindi da maggio ad ottobre il carico di lavoro aumenta notevolmente e ne sono ben contenta! E' stata una stagione molto particolare, sotto molti punti di vista.
Innanzitutto metereologico, con un 'estate quasi inesistente e molto piovosa ma seguita da uno splendido autunno che ci stà regalando giornate miti e soleggiate, almeno fino a ieri. Ma ancor più particolare è stata la quantità di ospiti  davvero "speciali" che hanno scelto il mio bed and breakfast: persone interessanti, diverse culturalmente e non solo, che mi hanno arricchita regalandomi sorrisi, apprezzamenti, conversazioni e tanto altro...Sono davvero molto soddisfatta e grata di tutto ciò. Grazie, grazie ed ancora grazie...:-)
Quindi bilancio sicuramente positivo per questo 2014 che volge al termine e mente già operativa pensando a come rendere ancora più accogliente ed ospitale  la mia casa in vista anche di quello che probabilmente sarà il grande evento del 2015: l'EXPO . Ma avremo modo di parlarle.
E grazie a te di essere ancora qui, con me, a farmi compagnia in questo lunedì di novembre. Buona serata.


mercoledì 8 ottobre 2014

Area 10 Minuti. Novità importanti a Malpensa!

Caro ospite, amico viaggiatore: Pay Attention!
Dopo qualche mese di prova dal 15 Settembre è operativa all'interno dell'aeroporto di Malpensa, l'Area 10 Minuti.
Se sei in trasito al Terminal 1 dell'aeroporto hai solo 10 Minuti per sostare nello spazio apposito ai piani Arrivi e Partenze. Una fotocamera con orologio registra il tuo ingresso e la tua uscita.
10 Minuti per salutare un amico o un ospite se è in partenza, 10 Minuti per accoglierlo se è in arrivo!
Nel caso ti servisse più tempo puoi usufruire dei parcheggi presenti in entrambi i piani e ben segnalati...e, ahimè,  costosissimi!
Questa la novità 2014!


Che il tempo sia una risorsa preziosa lo sappiamo tutti, soprattutto noi che non siamo più dei ragazzini.
Spesso mi capita di leggere che la vera ricchezza di questi nostri tempi è proprio possedere del Tempo, per noi stessi, per le persone che amiamo ... e personalmente non posso che essere d'acordo!
Area 10 Minuti è l'ulteriore conferma: per chi non tiene d'occhio l'orologio o suo malgrado non riesce a stare nei temuti 10 Minuti riceverà una contravvenzione...Ahi,ahi,ahi...:-)
Pay Attention quindi, amico mio, e buon viaggio!


giovedì 11 settembre 2014

Un regalo per me.

Ricevere un regalo mi commuove sempre:  mi commuovo quando è "programmato" e quando è "inatteso", mi commuovo al mio compleanno, a Natale  alle feste comandate...sono fatta così.
Mi è già capitato di ricevere regali dai miei ospiti: piccoli o grandi oggetti, di valore e non, ma sempre particolarmente graditi per quello che rappresentano.
Immagina quindi la scena: ieri mattina, sono pronta ad accompagnare le mie ospiti Sara e Rachele, israeliane, in stazione. Sono in partenza per il lago di Garda dopo quattro giorni di soggiorno a I Due Noci. Quattro giorni di chiacchere, emozioni, tea e caffè insieme. Ed eccole che arrivano, sorridenti, cariche all'inverosimile (le donne di tutto il mondo amano lo shopping!!!) e con uno strano oggetto in mano. Sara mi dice "It's for you! It's a keeper dreams! Thanks for all, Cinzia.".


Non riesco a dirti cosa ho provato....innanzitutto curiosità ( che cosa sarà mai questo coso?) e poi riconoscenza ( lo ha fatto lei, a mano, durante questi giorni....) e poi commozione e poi e poi...
Io cerco sempre di fare del mio meglio, in generale nella vita ed in particolare nel mio bed and breakfast.
Da quando dico "pronto!" al telefono a quando saluto un ospite in partenza mi impegno  e cerco di ascoltare al di la delle parole, di accogliere non solo l'ospite ma la persona, di aiutare, nei limiti del possibile, nei piccoli problemi pratici chi ha scelto di passare il suo tempo a casa mia, nel mio bed and breakfast.
Il "grazie di tutto, Cinzia" che ricevo al momento dei saluti è già un regalo per me ed  è anche una gratificazione sapere che si son trovati bene. Ma questo è stato davvero una grande emozione!
Un oggetto pensato e realizzato proprio per me, per dirmi grazie ma anche qualcosa di più...un regalo simbolico, di buon augurio...a keeper dreams!
Sono rimasta letteralmente senza parole o meglio, con un unica parola che non smettevo più di ripetere: grazie,grazie,grazie...Thanks, thanks thanks a lot...




giovedì 4 settembre 2014

Novità settembrine per te a I Due Noci

Settembre, un pò come Gennaio, è spesso legato a nuovi "inizi". Dopo la pausa estiva si riparte e ci si aiuta rientrando nella "solita" vita con nuovi programmi, desideri, progetti, maturati anche grazie al riposo estivo.
Questa estate 2014 a I Due Noci è stata davvero bella (meteo a parte), ricca di incontri che rimarranno indelebili nella mia memoria, e che saranno probabilmente oggetto di prossimi articoli,  ma anche molto impegnativa perchè proprio durante il mese di agosto ho realizzato, insieme al mio professionista di fiducia Francesco, qualcosa di davvero importante per me e per la mia attività: un nuovo sito web!


Era da un pò che ci pensavo, che lo immaginavo e finalmente sono riuscita a realizzarlo: un sito dinamico, con tante foto aggiornate, con le offerte e molte informazioni spero utili per chi, come te, sta cercando un alloggio in questa zona. Dai un'occhiata ai contenuti e dimmi cosa ne pensi: il tuo parere è molto importante per me! Ho anche pensato ad una Offerta Speciale specifica per festeggiare con te questo traguardo. Spero ti piaccia e ... ti aspetto presto a I Due Noci.







domenica 3 agosto 2014

Aperti per Ferie

E' arrivato Agosto, sono arrivate le tanto attese, desiderate, sognate e meritate ferie!
In questa estate a dir poco anomala, almeno da un punto di vista metereologico, con clima autunnale, piogge monsoniche e vegetazione incredibilmente rigogliosa, è arrivato il fatidico "momento ferie". Nonostante le previsioni insistano nel dire che l'estate 2014 tarderà ad arrivare ( ma arriverà....)  autostrade ed aeroporti in questi giorni sono trafficatissimi: tutti in viaggio, su e giù per l'Italia e non solo, in cerca di relax, tranquillità, riposo e, magari, un pò di sole!
I Due Noci , anche quest'anno, rimarrà "aperto per ferie" non le mie ma le tue, amico viaggiatore.
La novità 2014 è che nelle prossime settimane, se deciderai di fermarti al nostro bed and breakfast, potresti trovare ad accoglierti al mio posto uno dei miei figli, Stefano o Giacomo. Incredibilmente i due "pargoli" si sono offerti di aiutarmi con la casa, gli ospiti ed Ombra...Sono diventati davvero grandi!
Stessa qualità di accoglienza, stai tranquillo, ma un diverso sorriso a darti il ben arrivato! 
Quindi se ti trovi a transitare da queste parti, tra Milano e Varese, tra Malpensa ed il lago Maggiore, non esitare e chiamaci, o scrivici, saremo ben lieti di ospitarti. A presto e buone ferie...:-)




venerdì 25 luglio 2014

Brava Cinzia, ottimo lavoro!

Sarà capitato anche a te , immagino. Anche se la tua casa non è un bed and breakfast il momento prima o poi arriva per tutti: è ora di imbiancare o, come dicono i miei amici liguri, dare il bianco...
Come tutti i lavori che provocano un cambiamento imbiancare è contemporaneamente faticoso e stimolante, impegnativo e creativo, bello e brutto!
Dare il bianco in se mi piace, il lavoro di preparazione prima e pulizia dopo invece  non lo amo particolarmente.
Scegliere il colore, immaginarlo ambientato con qualche tocco nuovo è bello e stimolante, realizzare il tutto, affrontando  contrattempi, errori e, a volte, delusioni be, potendo lo eviterei.
Se poi la stanza da rinnovare è anche una camera del bed and breakfast i pensieri ed i timori aumentano. Niente di troppo grave, tranquillo, ma un carico sufficientemente stressante da portarmi a rimandare, rimandare, rimandare fino a qualche settimana fa... La camera in questione è La Piccola: ( perchè mai l'avremo chiamata così?) negli anni è passata da un giallo chiaro ad una tonalità più "solare"...per una serie di motivi  di gusto personale ma anche di praticità. 
Ecco come si presentava fino a qualche settimana fa,  in versione letti gemelli.



Devo confessarti che mi è sempre piaciuta molto, la trovavo allegra ed accogliente...In cuor mio pensavo sarebbe sempre stata gialla!
Alla notizia però che avrei imbiancato, parenti ed amici hanno iniziato a proporre cambiamenti, colori, soluzioni...verde, azzurro, tortora ... e via di questo passo. Alla fine sono andata in confusione e  ho scelto un colore che nessuno aveva proposto e che probabilmente, con la sua semplicità e luminosità, mi è particolarmente congeniale in questo periodo della mia vita. Il Bianco
Eccola, in versione matrimoniale ed estiva!  Personalmente mi piace molto, la trovo rilassante e fortunatamente anche la reazione degli ospiti, quando entrano per la prima volta, è positiva.
E tu? Cosa ne dici? Ti piace? Posso dirmi:" Brava Cinzia, ottimo lavoro!"?.




venerdì 18 luglio 2014

Tu di che English sei?

Facendo questo lavoro un minimo di English bisognerebbe conoscerlo. Io parlo un English scolastico, povero di vocaboli, ne sono consapevole, ma sono piuttosto brava a capirlo e riesco a sostenere un minimo di conversazione su argomenti semplici. O almeno così ho sempre pensato, fino a due giorni fa.
In questi anni ho ospitato persone di tutto il mondo, con qualcuno è stato più facile, con altri più complicato, ma me la sono sempre cavata.
L'altro giorno è arrivata direttamente dall'Australia la giovane Kate, 24 anni, splendida, energica e sorridente.
Ho subito capito che qualcosa non andava...Good evening a parte non capivo nulla di quello che diceva! Niente, nemmeno una parola del suo English dalla quale dedurre (come ripeteva sempre il mio insegnante) un contesto....niente. Sono rimasta, e proprio il caso di dirlo, senza parole. Ripetevo continuamente :"Sorry, I don't understand...may you repeat please?" E lei che ripartiva ed io uguale, il nulla...Oh, my god!  


Chiaramente in qualche modo ho fatto, lei non ha battuto ciglio e non ha mai mostrato di capire le mie difficoltà ne tantomeno ha rallentato o sillabato meglio le parole...ha continuato imperterrita con il suo English.
E' rimasta solo una notte ed il giorno seguente, ieri, aspettavo un'altro ospite starniero, questa volta U.S.A. Confesso che un filo d'ansia l'avevo quando sono andata a prenderlo in aeroporto. La mia difficoltà con Kate aveva dato un colpo pesante alla mia autostima. 
Ed eccolo che arriva, Nathan, altissimo e sorridentissimo e subito, dal primo scambio di saluti scopro che è tutto un altro English ! Capisco benissimo, parlo splendidamente (almeno così mi sembra) lui capisce e risponde...uno spettacolo. Nel breve tragitto da Malpensa a casa riesco anche a raccontargli di Kate e del suo incredible English e ne ridiamo insieme...
Il mio ego si ripiglia e mi sorge spontanea la domanda: quanti English ci sono? Quanti modi di parlare English ? Immagino infiniti,  come infinite sono le persone e le caratteristiche di cisacuna. Grazie a Kate ho capito che dovrò sicuramente lavorare sul mio English ma Nathan mi ha rassicurato sul fatto che non parto proprio da zero, qualcosa ne so, di English. E tu? Di che English sei? Raccontami dai...In English se ti va...



giovedì 10 luglio 2014

Oggi vado fuori tema: ScenAperta Estate 2014

Si, oggi vado fuori tema! 
Immagino il tuo sguardo interrogativo: in che senso fuori tema? Avevi una traccia? 
Ebbene si, confesso che c'è l'avevo...c'è l'ho ancora: Questa casa è un Bed and Breakfast vorrebbe raccontare e raccontarti, di me, del mio quotidiano vivere in una casa, la mia, che è anche un bed and breakfast. Fatti, emozioni, problemi, gioie e di tutto di più di questa ma vita "sempre aperta" proprio come il mio B&B.
Ma oggi vado fuori tema perchè domani, a due passi da casa, ci sarà un'interessante spettacolo teatrale e te ne vorrei parlare.


La rassegna è ScenAperta Estate 2014 e domani, alle 21, in Piazza Mazzini a Cardano al Campo, ci sarà lo spettacolo :" ... per ora rimando il suicidio" un omaggio a Fo, Gaber e Jannacci.
In scena un'attrice che ha lavorato per anni con Dario Fo, Marina De Juli, un musicista polistrumentista Francesco Rampichini, ed un chitarrista Andrea Cusmano.
Cantano, suonano e ci raccontano l'Italia di oggi e di ieri, attraverso la musica, le parole e l'umorismo di Fo, Jannacci e Gaber. Cominci a capire perchè ho deciso di andare fuori tema?
Dimenticavo, lo spettacolo è gratuito...Direi che non ci sono scuse: ci vediamo domani.



I





martedì 1 luglio 2014

La prima domanda dei miei ospiti è...?

In queste settimane estive, più che in altri periodi dell'anno, mi capita di ospitare persone di tutto il mondo. Americani, espansivi, estroversi, socievoli e un pò ingenuotti. Indiani (dell'India) riservati, discreti, di pochissime parole e con le loro "originali" usanze ( ma tu lo sapevi che dormano sopra le lensuola?). Australiani, gentilissimi, curiosi, ecologisti ed attenti all'alimentazione (viaggiano con i loro prodotti alimentari....). Insomma, di tutto un pò.
Ma la cosa strana che stò constatando è che, qualunque sia la loro provenienza, età, stato civile o sociale, la prima domanda che mi fanno entrando in camera è la medesima:
" Avete il wi-fi, vero? Posso avere la password?" ... " May I've the wi-fi password?"

/

Lo fai anche tu? In realtà le domande classiche sono rimaste, ma vengono dopo...non sono più prioritarie. Prioritario è per tutti connettersi  o riconnettersi con il loro mondo, quello che hanno lasciato a casa ma dal quale non vogliono, a volte non possono, staccarsi. 
Confesso che ogni volta attendo con ansia che cerchino la rete e si colleghino, passaggio niente affatto scontato quando offri ospitalità in una casa, che è anche bed and breakfast, ma sempre casa rimane, con la sua rete domestica e tutti i limiti che spesso comporta.
Quando vedono la rete e si collegano si rilassano, si guardano intorno, un pò ansiosi di controllare mail e quant'altro, un pò cuoriosi di scoprire la camera...e partono le domande classiche, le curiosità ed i biosgni di ciascuno...e questi sono diversi, a volte anche molto, in base all'età, alla provenienza, ecc. ecc.... Queste te le racconterò prossimamente...Ormai siamo connessi!





sabato 21 giugno 2014

Imprevisti in Bed and Breakfast

Per prima cosa diamo una definizione di Imprevisto : ciò che non è stato programmato ( da Wikizionario.org ). Un evento, un fatto, un incontro, una novità che non avevo messo in calendario, che non mi aspettavo! 
Credo che capiti a tutti, magari non tutti i giorni ma quasi, di aver a che fare con Imprevisti più o meno piacevoli, più o meno facili da gestire ....Qualcuno và nel panico, altri affermano di dare il meglio proprio in questi casi ... La natura umana è varia ed imprevedibile!
Oggi però vorrei raccontare un esempio di Imprevisto direi tipico ( ammesso che possa essere definito tipico un Imprevisto ? ) della mia vita in bed and breakfast!
Ecco la situazione: ieri, pomeriggio assolato, ore 16, non ho prenotazioni per la serata, decido di regalarmi qualche ora di relax al lago. Meta lago di Monate, uno dei miei luoghi del cuore!



Lettino, sole, arietta fresca al punto giusto...insomma, un paradiso! Come sottofondo sonoro i primi commenti del pre partita alla televisione del bar: alle 18 giocherà la nazionale! Stavo giusto meditando di fermarmi anche a cena quando squilla il telefono: " Buonasera signora, per caso ha una camera libera per questa sera e domani? ". Felice dico di sì, pensando anche che sicuramente sarebbero arrivati tardi. Be, mi sbagliavo, e di grosso. 
Mi dice: " Perfetto, arriviamo tra 10 minuti, siamo a Malpensa!". 10 minuti! Ecco, l'imprevedibile Imprevisto tipico del mio lavoro! 
Velocemente penso ad una soluzione alternativa ( chi posso chiamare per occoglierli? I miei figli ... no c'è la partita e sono entrambi da amici... Propongo un arrivo dopo cena ma l'idea non piace, sono solo le 18 ...niente da fare, sono con le spalle al muro.... ) ma non la trovo, devo rientrare.
Mi alzo, lascio desolata lettino, sole, lago, relax e tramonto  e torno a casa alla velocità della luce.
Arriviamo insieme, si sono persi seguendo il navigatore ... benedetto navigatore! Li accolgo con il sorriso e sono davvero felice di averli miei ospiti...( sono una bella coppia, molto simpatici ) certo, fossero arrivati alle 21 sarei satta felice uguale , ma così è la mia vita, il mio lavoro...ed io li amo entrambi, Imprevisti compresi.



Oggi sono tornata al lago, c'è meno sole e più gente ma il senso di pace e la bellezza del luogo sono intatte.
Per questa sera quel genere di Imprevisto  è scongiurato, le camere sono entrambe occupate. Mi rilasso felice e  resto in attesa perchè non si può gestire un bed and breakfast senza dover affrontare gli Imprevisti. Ti dirò di più, non si può pensare di vivere senza affrontare Imprevisti. Buona serata e buona vita.

venerdì 13 giugno 2014

L'importanza del Beakfast

Quanto è importante, in un bed and breakfast, il momento del breakfast
Credo sia inevitabile, gestendo un bed and breakfast, avere un pò il "pallino" della colazione, o meglio, del breakfast.
Io personalmente adoro questo momento della giornata e patisco molto quando non posso dedicarci tutto il tempo che, secondo me, merita. Una fetta di torta, magari fatta in casa ( rigorosamente  senza glutine...), del buon tea ( meglio verde ), a  un cappuccino ( ma fatto come dico io...) della frutta, uno yogurt....insomma, per capirci, io al mattino non mi alzerei mai da tavola!
Ma non siamo tutti uguali. In questi anni ho avuto modo di osservare centinaia di persone durante i loro breakfast e mi sono resa conto che le abitudini sono davvero infinite!
C'è chi il breakfast non lo fà, almeno non qui da me...esce veloce, o anche lento...ma non vuole nemmeno un caffè. Poi c'è chi arriva, si siede, parla poco, velocemente consuma qualcosa e scappa, chi invece con calma assaggia tutto, magari chiede il bis, vuole più zucchero, solo miele, caffè lungo, corto, freddo, bollente... e intanto tace oppure parla, parla, parla...



Devo confessarti che i miei ospiti preferiti sono quelli che, come me, amano questo momento, lo vivono un pò come un rito...Si siedono osservando la stanza, la tavola, sorridono, si rilassano, parlano fra loro o con me  e ...mangiano!
Ma  c'è un'altro aspetto, gestendo un bed and breakfast, dell'offrire la colazione che mi piace molto!
Con gli ospiti che scelgono di consumare il loro breakfast nella mia casa ed hanno un pò di tempo da dedicare a questo momento, che siano da soli o in compagnia, è molto più facile instaurare un dialogo, entrare in relazione, scoprire qualcosa di loro e svelare qualcosa di me...conoscersi, e spesso creare dei legami che è la cosa più bella di questo mio "lavoro" e credo, uno dei motivi per i quali un viaggiatore sceglie un bed and breakfast....o no? 
Per te il breakfast è importante? Raccontami dai...io intanto faccio  colazione!




venerdì 6 giugno 2014

Un'infinita catena di grazie,grazie,grazie!

In ogni professione ricevere un'approvazione o un complimento,  anche se non è indispensabile, gratifica sempre, da una marcia in più, fa nascere sul viso di chi lo riceve un sorriso spontaneo e gli riempie il cuore di gioia.
Nel mio lavoro, gestore di bed and breakfast, dove la cosa più importante è la soddisfazione del cliente, ricevere una recensione, un sorriso o un "grazie" sincero ed inaspettato sono davvero "tanta" cosa!
Questa è la foto della lavagna che ho messo in una delle camere....l'altra mattina ho trovato questo semplice Grazie della mia ospite Roberta....semplice ma niente affatto scontato! Una grande emozione per me!



Ospitare, per me, equivale ad allargare la mia famiglia, ogni volta, tutte le volte...solo per qualche ora o qualche settimana certo, e, nel farlo,  riuscire far sentire il mio ospite a casa, offrirgli un buon letto, un' ottima colazione ma soprattutto quel qualcosa in più che gli dice che il suo benessere mi interessa... I care!
Capisci quindi che quando si riceve un Grazie, quando l'ospite, a cui non hai chiesto nulla, cerca sui social un modo per ringraziarti e lo trova lasciando una recensione be, la soddisfazione è tanta, la carica che ricevo immensa e sinceramente, con il cuore, ringrazio a mia volta, in una catena di grazie,grazie,grazie che spero, non finirà mai. Grazie, grazie, grazie....:-)




martedì 27 maggio 2014

Verdi Abbracci

E' vero, siamo a Cardano al Campo, nel bel mezzo della provincia di Varese, a due passi da Gallarate e Busto Arsizio, due città conosciute più per l'industria che per le bellezze naturalistiche...E'vero, certo che sì!
Ma in questi giorni il giardino di casa è un'oasi verde e profumata.
Le tante piogge dei mesi scorsi ed il caldo degli ultimi giorni hanno reso la vegetazione verdissima, rigogliosa, viva e profumata! Mi dispiace non esista ancora una app per i profumi ma vi assicuro che con tutti i gelsomini fioriti l'aria che si "respira" a I Due Noci è coccolante, fà pensare ad un caldo abbraccio


E non è finita qui! Tutta la natura è in fermento, uccellini compresi....C'è un gran via vai di usignoli, merli, rondinoni, tortore e non so che altro...Dal primo sorgere del sole fino al tramonto una colonna sonora unica ed inimitabile accompagna le giornate miei e dei miei ospiti che spesso non riescono a trattenere lo stupore!
Un suono davvero inusuale per le orecchie di chi vive in città...un suono che è musica, armonia, abbraccio...



Vieni a vedere con i tuoi occhi, ad ascoltare con le tue orecchie ed ad annusare l'aroma dolce che riempie l'aria...
Vieni a provare questi verdi "abbracci". Ti aspetto....

giovedì 22 maggio 2014

Greetings from B&B I Due Noci

Eccomi di nuovo qui...son tornata!
Forse non te ne sei accorto ma ho "saltato" una settimana...ero in vacanza! Appena posso, tutte le volte che posso, purtroppo non tutte le volte che vorrei,  lascio la mia casa, il mio bed and breakfast e parto.
Il pre partenza non è certo una cosa semplice...Chiudere una casa che comunque rimane aperta, con figli e relativi amici/fidanzate che vanno avanti ed indietro, Ombra da accudire (il nostro labrador) e gli ospiti del B&B da gestire... Ti confesso che a volte il solo pensiero è sufficiente a farmi rimandare la vacanza.
Ma questa volta sono stata determinata, ho prenotato un volo, fissato le date e avanti tutta...
Giacomo, il più giovane dei tre mammoni, l'unico rimasto stabile in casa, è stato il prescelto (non vi dico la gioia....) per la mansione di tutto fare. E' stata  la prima volta. A supporto il nonno e la mitica Simona, new entry ma di grande aiuto.
Dopo mille raccomandazioni, indicazioni, scritti pro memoria sono partita....felice ma non esattamente spensierata.


E' stata una settimana intensa, il telefono non la smetteva mai di suonare. Ospiti che chiamavano per prenotare, Giacomo e Simona per chiedere aiuto....ad un certo punto ho dovuto dire stop, a casa ero arrivati al limite ed io non mi stavo propriamente rilassando...
Ma alla fine tutto è andato bene. Sono rientrata ed ho trovato ancora una casa, fatto assolutamente non scontato, Ombra viva e felicissima di vedermi, il b&b in ordine e funzionante...quasi un miracolo!
E' stata un'esperienza interessante per tutti. Giacomo ha capito che gestire un b&b non è solo incassare soldi, io ho preso nota delle migliorie organizzative da mettere in atto prima della prossima vacanza, Ombra non mi molla più un attimo ed il nonno...be, lui è il mio papà, è una roccia ed è solo felice di vedermi felice!
Alla prossima quindi e Greetings from I Due Noci to you!



martedì 6 maggio 2014

Like a Melting Pot

Melting Pot: cercando  su wikipedia ho trovato:
"Melting Pot (tradotto come crogiolo) è l'espressione che si usa per indicare l'amalgama, all'interno di una società umana, di molti elementi diversi (etnici , religiosi ,ecc...)".
Lo scorso fine settimana ho proprio pensato che la mia casa & bed and breakfast is like a  Melting Pot, un "crogiolo", un luogo d'incontro. Lo è già normalmente grazie ai miei figli ed ai loro innumerevoli amici, colorati e multietnici, ma domenica lo è stata in modo particolare. 
Ho organizzato una grigliata in giardino con tutta la famiglia per festeggiare Francesco (il "mammone" che vieve a Londra) di ritorno a casa per qualche giorno: nonni e nipoti, zii e fratelli ... tutti insieme appassionatamente.


Ma non finisce quì. Ospiti in partenza in tarda mattinata che, "sentiti" i preparativi della festa si attardano a fare quattro chiacchere (ed un aperitivo), ospiti in arrivo prima del previsto che accettano ben volentieri una fetta di torta....Insomma, un gran movimento, tanto lavoro per me (fisico e non solo) ma anche tanti sorrisi, tante persone felici di condividere il proprio tempo e le proprie emozioni con chi ama da sempre ma anche con chi incontra per la prima volta ( e probabilmente ultima ).
Casa & bed and breakfast & luogo di incontri: my life is really like a Meltin Pot....secondo te cosa potrei desiderare di più? 






mercoledì 30 aprile 2014

Crescerai tre mammoni!

Crescerai tre mammoni!
Me l'hanno ripetuto per anni nonne , zie e "amiche" datate: crescerai tre mammoni! Si riferivano chiaramente ai miei figli, Stefano Francesco e Giacomo ed al mio tenermeli sempre addosso, fisicamente e non solo.
Si perchè prima li ho allattati per tanti mesi, poi ho aspettato che fossero loro a chiedere di "uscire" ad esplorare il mondo... Hanno scelto loro quando andare la prima volta a dormire dai nonni, quando passare un pomeriggio con gli amici... Eccoli, i tre "mammoni" nel 1995 ( a sei, quattro ed un anno!)


Inutile dire che si sbagliavano di grosso! Non stò ora ad elencarti le tante volte in cui hanno scelto di "lasciare" la mamma per altro o altri e tutto è andato bene, nonostante l'età spesso giovanissima!
Voglio condividere con te però cosa stà succedendo ora.
Il "mammone" numero uno, Stefano, ha deciso di trasferirsi dove lavora, a Lugano...ha traslogato proprio durante le vacanze di Pasqua portandosi via addirittura il letto!
Il "mammone" numero due, Francesco, lo scorso settembre ha lasciato il lavoro ed è migrato a Londra...sono 7 mesi che ci "vediamo" solo su skype...ed ironia della sorte lavora in un albergo quattro stelle ed elargisce consigli alla "povera" mamma ed al suo B&B.
Il "mammone" numero tre, Giacomo, si è appena iscritto all'università e quindi, almeno per qualche anno, manterrà la residenza in questa casa ma è uno zingaro: tra amici, fidanzata, fratelli ed hobby non lo si vede mai...
Eccoli i tre mammoni oggi, in versione selfie.


Sono molto felice ed orgogliosa di aver cresciuto tre individui autonomi,  con tanta voglia di scoprire la vita al di fuori di queste quattro mura e confesso che, dopo un primo momento di smarrimento ( cos'è questo silenzio? come mai tutto rimane in ordine? ma il frigorifero è sempre pieno?....) un'idea azzardata e forse poco materna stà prendendo piede nella mia mente.
Camere vuote uguale nuove camere per il mio bed and breakfast! Cosa dici, saranno felici i tre "mammoni"? Ti terrò aggiornato!


lunedì 21 aprile 2014

L'attesa non è mai finita.

Abbiamo appena festeggiato la Santa Pasqua e, per chi è cristiano, una certa "attesa" è finita.
L'attesa, l'attendere...un'azione importante, presente nella vita di tutti,  tutti i giorni o quasi, a volte anche più volte al giorno. Cos'è per me l'attesa? 
Attendere è una scelta e come tale non è mai una perdita di tempo non per noi stessi!
Attendere è una consapevolezza, la nostra consapevolezza che quell'attesa è, in quel momento,  la scelta giusta per noi!
Attendere è pregustare, una pre-gioia per qualcosa che speriamo accadrà!


Gestire un bed and breakfast è "un'attesa" continua.
Attendi le prenotazioni, attendi l'arrivo , attendi poi la mattina che gli ospiti si presentino per la colazione ed infine attendi che lascino la camera ...
Gestendo un bed and breakfast mi sento di dire che l'attesa non è mai finita.
Ma va benissimo così: è una mia scelta, mi permette di pregustare l'incontro con persone nuove, di immaginare vite ed aspettative...insieme ad altri aspetti del mio lavoro "l'attesa" colora la mia giornata.
Quindi resto in attesa...vieni a trovarmi.







lunedì 14 aprile 2014

E' primavera...facciamo un pic-nic?

La primavera ormai è arrivata e con lei l'aria si è intiepidita, il sole è ogni giorno più caldo e i prati sono di un verde decisamente invitante...
Perchè resistere?
Prepariamo un bel cestino e trasferiamoci, da soli o in compagnia, all'aperto...Si, dai, facciamo un pic-nic.



Ho sempre pensato che mangiare seduti su un prato, soprattutto con tanti bambini intorno, sia tra i tutti i possibili modi di pranzare il più conviviale!
Non ci sono barrire, niente tavoli spesso troppo alti, niente sedie troppo basse o scomode...niente di "fisico" separa i commensali. Che meraviglia!
Una coperta stesa su un prato colorato, un cestino con pietanze semplici e gustose si rivelano spesso un collante magico...lì, sdraiati al sole ci si sente subito molto rilassati, ben disposti al dialogo, al confronto, al gioco e, perchè no, all'amore...


Se non sai dove trovare un bel prato e magari anche un cestino goloso, coperta e cuscini...be, vieni a trovarmi! 
Al b&b  I Due Noci la novità 2014 è proprio il pic-nic brunch...sul sito trovi tutti i dettagli e...ti aspetto!













mercoledì 2 aprile 2014

Facciamo il pieno di Bellezza

Ieri, complice un impegno di lavoro a Milano (ebbene si, a volte succede: anch'io esco da queste quattro mura e divento turista seppur per poco...) ho deciso di farmi un regalo. Mi sono regalata due ore di Bellezza.
A Palazzo Reale è in corso una mostra che vi consiglio: "Klimt : alle origini di un mito"  .
Venti oli di Gustav Klimt, sui cento esistenti, tra i quali Adamo ed Eva, Il Girasole, La Famiglia e Salomè  (la mia preferita....)
Per circa due ore mi sono immersa nel genio, nell'arte, nella bellezza di queste opere...
"Chi vuole sapere di più su di me, osservi attentamente i miei dipineti per rintracciarvi chi sono e cosa voglio" Gustav Klimt
Mi permetto di aggiungere che spesso, davanti ad un'opera d'arte, finisci per rintracciare anche un pò di te stesso...ed è sempre una grande emozione.


Un ultima cosa: se anche tu, come me, ami muoverti con il treno, ( da I Due Noci in meno un ora sei in centro a Milano)  presentandi all'ingresso con un biglietto obliterato in giornata o con un abbonamento settimanale/mensile Trenord avrai diritto ad uno sconto del 50%....solo 5,50 euro per una mostra che, credimi, non ha prezzo...Segui il mio consiglio, fatti questo regalo, regalati Bellezza, mi ringrazierai ...:-)






venerdì 21 marzo 2014

E' di nuovo Primavera



Sai quando si dice:" Non ci sono più le mezze stagioni!" riferendoci ai cambiamenti climatici in corso?
Be, adesso siamo andati oltre...Si, adesso non ci sono più le scadenze stagionali di una volta...!
La tradizione secondo cui la primavera inizia il 21 marzo negli anni 2000 non vale! Mi sono documentaa ed ho scoperto che sono già sette anni consecutivi che l'equinozio di primavera cade un giorno prima, il 20 marzo, ed anche il 2014 non fà eccezione.
Equinozio e solstizio arrivano in un momento preciso, e quest'anno è stato ieri, alle ore 17.57.


Destabilizzante vero? Un pò si...era una delle certezze acquisite nell'infanzia, una di quelle cose "sicure" che ti ha insegnato la maestra...un pò come la lunghezza di un fiume o le capitali europee...
Per consolarmi un pò e consolarti faccio mio questo pensiero di S.Shan:

"La primavera nell'anima arriva quando vuole, non segue una stagione, ma dà i suoi frutti quando un cuore si risveglia allo sbocciare di una nuova emozione...".

Che inizii oggi o sia iniziata ieri alla fine poco importa, l'importante è che ci sia una nuova primavera in tutti i cuori, tante nuove primavere...tante nuove emozioni...tante nuove stagioni...
E cosa meglio di un viaggio è "portatore sano" di emozioni? Nulla, te lo assicuro....
Forza, è di nuovo primavera, prepara le valige e parti...tanti luoghi nuovi ti aspettano, tante persone da conoscere, emozioni da vivere...ed io sarò ben lieta di ospitarti se il tuo cammino di porterà a I Due Noci.













giovedì 13 marzo 2014

Per gestire un B&B devi essere "social"?

Essere proprietari e gestori di un bed and breakfast oggi vuol dire necessariamente ( a meno che non si voglia pagare qualcuno per farlo!) essere "tecnologici", "social"...o almeno provarci!
Quando ho iniziato questa attività, nel 2000, bastava il passaparola, qualche biglietto da visita ed il gioco era fatto. Per anni non ho avuto nemmeno un sito personale...!
Complice il fatto che c'era solo il mio, di B&B, almeno a Cardano al Campo, i clienti arrivavano.
Certo dovevi lavorare bene perchè se è vero che un cliente soddisfatto è un cliente guadagnato, un cliente deluso, per effetto di un passaparola negativo, equivale in un attimo a 1.000 potenziali clienti che non arriveranno mai. Ma lavorare bene è fondamentale in qualunque campo, da sempre.
Adesso invece, essere un buon gestore, una padrona di casa attenta ed ospitale, flessibile negli orari ed empatica (per quanto possibile), avere una bella casa, delle camere pulite, accoglienti, confortevoli, servire colazioni gustose, abbondanti e ben curate....ecco, tutto questo adesso non è più sufficiente per "raggiungere" un potenziale cliente.
Adesso devi essere tecnologica, che non vuol dire solo avere un tuo sito web ( questo è scontato!) vuol dire essere presenti sui principali social, essere attivi, tenere i profili aggiornati...catturare l'attenzione di potenziali ospiti, interessarli, informarli e....conquistarli!
Aggiornare il sito web, postare sul proprio profilo personale, sulla pagina facebook del B&B, scrivere un paio di tweet, pubblicare foto pertinenti su istagram e poi aggiornare pinterest,  il blog, linkedin e google...ecco, questo e molto altro sono diventati il mio lavoro quotidiano, insieme chiaramente a tutto il resto, alle cose pratiche legate all'accoglienza dell'ospite che,  così lungamente corteggiato, alla fine arriva, carico di mille aspettative e curiosità...e non va assolutamente deluso!


Siamo proprio sicuri che tutta questa tecnologia sia una conquista? 
Cercami sul web...e, se ti và, dimmi cosa ne pensi. Grazie!

venerdì 7 marzo 2014

Quanto siete distanti da....?

Quanto è distante il suo B&B da...?
Ecco, questa è una tipica domanda da telefonate/mail di prenotazione.
Quanto è distante il suo bed and breakfast dall' aeroporto di Malpensa, dall'ospedale di Gallarate, da via tal dei tali?
Anni fà trovavo questa domanda più che lecita. Siamo a Cardano al Campo non a Milano!


E' un piccolo paese, giustamente sconosciuto ai più, ed in un'epoca di stradari non era certo facile capire posizioni e distanze.
Ma oggi, nel 2014, con google map e tutte le possibilità offerte dal web, devo confessare che rimango un pò stranita nell'ascoltare o leggere questa domanda. E mentre rispondo cercando di essere precisa e  dettagliata ma non posso fare a meno di pensare, più o meno in questo ordine:
- dove avrà trovato i miei dati?
- ho dimenticato di inserire la mappa?
- non sono chiara
....e via di questo passo con dubbi ed incertezze!


Alla fine però, ascoltando anche i miei ospiti, ho capito che pur essendo in un' epoca 2.0, dove trovi tutto on line, le persone hanno bisogno di sentirsi rassicurate su quanto leggono...Hanno bisogno di conferme e spesso le cercano telefonicamente probabilmente perchè più "umano" della mail: sentono la voce, si fanno un'idea della personalità, del carattere, dell'aspetto (ma c'è la foto sul sito...:-)): insomma "testano" seppur solo con l'udito e si tranquillizzano nello scegliere! Eccomi quindi, in un'immagine vintage, al telefono con un cliente, ben felice di rispondere a domande, dubbi e curiosità! Non dubitare, il mio B&B è vicinissimo a Te!





venerdì 21 febbraio 2014

B&B & Bike

Non so se succede anche a te ma a me accade spesso di trasferire le mie passioni nel mio lavoro.
Già il fatto che abbia trasformato la mia casa ( luogo da me molto amato ) in un bed and breakfast la dice lunga,  ma non mi sono fermata a questo. Oggi ti voglio parlare della bibicletta: io e la mia bici, il mio B&B scelta vincente per chi ama la bicicletta....B&B & Bike.


Come potete ben vedere in questa immagine "vintage" (io sono quella con la gonna!!!) è un amore nato molti anni fà...Per me la bici vuol di comodità ( intesa come mezzo di locomozione pratico ed economico ), vuol dire movimento (rassodiamo,si , si...) ma vuol anche dire, da sempre, divertimento, scoperta di posti nuovi o riscoperta, ad una velocità più lenta, di posti conosciuti...Vuol dire amore!


Tutto questo amore e questa passione si concretizzano a I Due Noci con una colazione abbondante, uno spazio riscaldato dove poter asciugare il vestiario e ricoverare al sicuro la tua bici durante la notte, gli attrezzi per le piccole riparazioni, informazioni e materiale turistico sui percorsi da effettuare nella nostra area e, all'occorrenza, un meccanico ciclista (Umberto, il migliore!!) nostro prezioso vicino di casa.
Ti aspetto quindi e, se arriverai da noi in sella alla tua bici, subito uno sconto del 15% sul tuo  soggiorno! Contattami per verificare le disponibilità. A presto, Cinzia.



venerdì 14 febbraio 2014

Un valentinoso venerdì a I Due Noci.

Ormai è impossibile non pensarci ... twitter, instagram, pinterest ma soprattutto facebook non ti permettono di dimenticartene ... oggi è San Valentino!
Una miriade di cuori, fiori, frasi più o meno sdolcinate non ti concedono via di scampo: che ti piaccia o no, che tu abbia o non abbia voglia di festeggiare devi affrontare la questione.
Affrontiamola quindi!
Eccomi qui, armata di ironia e buon umore,a parlare d'amore!
"Amor che a nulla amato amar perdona..." si, proprio lui, l'oggetto di migliaia di poesie, romanzi, film,sul quale si è detto tutto ed il contrario di tutto ... 
Quanti amori vedo io passare nel mio B&B?
Tanti, davvero tanti ... ed i più diversi! 
Amore coniugali, che durano da tanti anni e che avrebbero tanto da raccontare, Amori  appena celebrati e pronti a decollare (nel vero senso della parola) dall'aeroporto di Malpensa con un costosissimo viaggio di nozze, pieni di speranze, progetti, sogni,  Amori clandestini: arrivano con macchine diverse, in orari diversi, con il loro personalissimo carico di passione ma anche timore, Amori giovanili ( che belli...) con gli occhi brillanti ed il portafoglio sempre vuoto, ed Amori allargati (" il mio amore, Fuffi, un sornione persiano a 4 zampe, dorme sempre con me...")
...comunque Amori. 
E questa è l'unica cosa che conta. Amare ed essere amati ... o almeno provarci!

Oggi su Fb ho trovato questo bel pensiero che condivido con voi:

"Ama senza perchè ,.... ,sempre, comunque, chi quando e dove  vuoi." (https://www.facebook.com/SognisuCarta)

E questo il mio augurio per tutti noi. 
Amare ed essere travolti da così tanto amore da non poter fare a meno di Amare.

"Vuoi essere amato, ama" (Seneca)

Buon valentinoso venerdì a tutti.

venerdì 7 febbraio 2014

Un pò di storia...


Credo che anche a voi, genitori di figli ormai grandicelli,sia capitato almeno una volta, davanti al loro ennesimo rientro fuori "tempo massimo", di dire frasi tipo "questa casa non è un albergo" "non vivi in un bed and breakfast"...
Be, io mi sono sempre dovuta trattenere dal dirlo (confesso,però,non dal pensarlo...) perchè la mia casa, mia e dei miei figli, è un bed and breakfast....
Eccola. Una casa tipica lombarda, lunga e stretta, tutta esposta a sud (saggi contadini...) con quattro ampi locali per piano....ventisette, ripeto, ventisette tra porte e finestre ed un apio giardino dominio incontrastato di Ombra, il nostro adorato labrador.
L'abbiamo acquistata nel 1998 e, dopo una falsa partenza nel 2000, dal 2005 è ufficialmente un bed and breakfast: I Due Noci, il primo B&B aperto a Cardano al Campo ed uno dei primi di tutta la provincia.
Il nome è stato scelto in onore di due stupendi noci che svettavano all'ingresso....si svettavano perchè qualche anno fà, a distanza di pochi mesi uno dall'altro, si sono ammalati ed abbiamo dovuto tagliarli.
Voglio condividere con voi le mia giornate tra queste "quattro" mura impegnata come proprietaria e gestore tutto fare di un bed and breakfast (eh, si tutto, proprio tutto...vi racconterò...), come mamma di tre ex adorabili pargoli ora adulti giovani maschi ( quanti ormoni, povera me...) ma anche colf, cuoca, responsabile acquisti, tecnico manutentore, giardiniere, veterinario....e potrei continuare ancora per un bel pò ma vi risparmio....A presto quindi e pensatemi ogni tanto perchè "la mia casa è un bed and breakfast..."